Lunedì, Dicembre 10, 2018

FUKUSHIMA ANNO VI: LA MENZOGNA SENZA FINE

Anche e soprattutto il comportamento dell’ex premier nipponico, Naoto Kan, da sempre schierato contro l’energia nucleare e co-responsabile di parte degli accadimenti di Fukushima: fu sua la presunzione di assumere responsabilità tecnico-scientifiche sostituendosi a chi competente in materia, prima tra tutte il ritardo e le particolari condizioni imposte per concedere il nullaosta alla depressurizzazione dei reattori e l’evacuazione forzata. Grave l’aver utilizzato la crisi in corso per proporre una campagna contro l’energia nucleare anziché pensare ai soccorsi ed alla gestione delle numerose emergenze.

Tante, troppe le bugie create per seminare il panico, a Fukushima, in Giappone e nel mondo. E come giudicare il giornalismo che dovrebbe essere sopra le parti ed invece è sovente al servizio della disinformazione?

E’ il caso di un giornalista italiano, Pio d'Emilia residente a Tokyo ed amico del primo ministro Naoto Kan, improvvisamente messo sotto i riflettori dai media giapponesi per aver influenzato la posizione del premier sul nucleare. D’Emilia avrebbe offerto suggerimenti all’ex premier sulle posizioni da tenere contro l’energia nucleare e caldeggiato finalmente un rapido abbandono della fonte energetica. Una forma di terrorismo mediatico, che non passa inosservata [20].

Tra le fantasie riscontrate sui vari blog e social, che si ripresentano ciclicamente ancor oggi, troviamo le immagini dell’incendio alla raffineria di Ichihara, nella Prefettura di Chiba e volutamente diffuse come immagini provenienti dalla centrale di Fukushima, secondo molti ormai fuori controllo [21].

Il vero volto della menzogna: a sinistra la centrale di Fukushima, a destra la raffineria di Ichihara - in fiamme

Non meno grave la modifica apportata alla cartografia del NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration). L’Ente mostrava graficamente il diffondersi dell’onda di maremoto e le aree colpite; viene alterata e diffusa come l’evidenza della contaminazione radioattiva nel Pacifico ed atmosferica [22][23].

Registrati o fai il Log-in per commentare questo articolo.